Esagerazioni di capodanno - Abete di cracker

Come avevo già accennato qualche giorno fa, al cenone di capodanno ho deciso di "farla ripiano albero di crackerun po fuori dal bucale" come si dice da queste parti... Ho realizzato infatti, un abete interamente in cracker che è servito da vassoio per il centinaio di tartine che ho preparato. Ad occhio il tutto è venuto alto una settantina di centimetri. Misurata la resistenza dell'impasto, ora spiego come ho provveduto alla preparazione ed all'assemblaggio dell'albero, che ha richiesto anche qualche semplice calcoletto...

Struttura e dimensionamento

L'abete si può scomporre in due parti: l'insieme di 5 vassoi, che ospiteranno le tartine (tranne il vassoio piccolo in cima, su cui metterò una candelina) ed i 5 tronchi di sostegno. flessione del crackerPer dimensionare il momento flettente esercitato sul cracker dagli antipasti, ho considerato tartine di 35x30mm e 45gr cadauna (sul pesantino andante, per quelle dimensioni, ma così sovradimensioniamo di un po lo spessore, che non fa male nel caso l'impasto tenga meno del previsto). Con questi dati il momento sollecitante, rispetto al punto di contatto tra il cracker e il tronco, è di 237N/mm2 (sommatoria delle distanze dei punti di applicazione dal polo per la rispettiva forza). Per calcolare lo spessore del cracker si ipotizza poi un carico unitario di rottura a flessione di 0.35N/mm2 (era il valore medio per l'impasto rinforzato con fibra di grana) e si applica la formula già vista, opportunamente girata:

h = \sqrt{\frac{6}{b}\frac{M}{R_{ fm }}}

che restituisce (supponendo che la base della tartina sia il lato da 35mm, da cui la sezione consderata per la flessione) un'altezza di 10mm circa, ancora un po troppo per i miei gusti, ma cercherò comunque di scendere, in qualche modo. Detto questo, i vassoi saranno 5 quadrati di lati 330x330, 270x270, 210x210, 150x150, 90x90mm. Per quanto riguarda i tronchi invece, saranno cilindri con dimensioni (diametro e altezza): 90x110, 60x200, 60x170, 60x110 e 40x110mm. Saranno realizzati in cera (quindi l'unica parte non commestibile dell'albero). Per garantire un perfetto allineamento ed un sicuro montaggio, al centro di ogni cilindro inserirò una barra di alluminio cava, alta esattamente come il  cilindro. Così durante la fase di montaggio inseriro nella barra, un tondino di alluminio per centrare tutti i pezzi e garantire un minimo di stabilità verticale.

Realizzazione del tronco

Per realizzare il tronco (l'unico elemento non in cracker), come si vede nella foto a lato, ho preparato gli stampi di carta e vi hstampo per tronco abete di crackero inserito al centro i tondini di alluminio. Quindi li ho posti in un vaso pieno di farina (per evitare la deformazione dello stampo durante la colatura della cera) e  ho versato la cera fusa all'interno. Ho atteso una giornata intera che si indurissero. Tirati fuori dallo stampo ho arrotondato le imperfezioni con carta vetrata 120. Per evitare che la cera liquida entri nelle barre di alluminio, ho tappato le estremità con del nastro di carta.

Preparazione dei ripiani in cracker

Ho utilizzato per l'impasto le stesse proporzioni dell'altra volta, ossia 1000g di farina, 2 panetti di lievito di impasto cracker prima dell'infornaturabirra fresco, sale q.b. 240g di olio a circa 360ml di acqua. Ho steso gli impasti (dopo un'ora di riposo in cui si sono gonfiati circa del doppio) sulle leccarde e li ho ritagliati nelle giuste dimensioni. Al centro ho inserito uno spezzone del tondino di alluminio cavo (per tenere il foro in forma durante la cottura). Quindi ho ricoperto i quadrati con sale grosso, grana e rosmarino. La permanenza nel forno è di circa 15 minuti a 200°C, e comunque fino a quando le superfici diventano croccanti (gli ultimi 5 minuti ho usato la funzione grill).

Assemblaggio

abete di cracker terminatoPreparati tutti gli elementi non resta che assemblare il complesso: infilo nel primo spezzone di tronco il tondino di alluminio pieno da 6mm, quindi alterno un ripiano ad un altro tronco e così via... e poi via con le tartine!

abcr6

  • smig

    e adesso non osare non passare costruzioni........!!