Ferrate estive - New Training Wall

Non avendo ancora avuto tempo per qualche uscita, causa sessione estiva, ho pensato che è il caso di cominciare con un po di allenamento intensivo, per evitare di schiattare sul parete di arrampicata, scrosatura pittura Coglians (meta significativa di quest'estate). E finchè non ho tempo di uscire, l'unico allenamento possibile è quello in camera mia, dove anni addietro avevo allestito una training wall (una sorta di parete di arrampicata su cui, a dirla tutta, non ci si arrampica) montando una coppia di Rock Rings della Metolius ed un paio di moschettoni per tenermi allenato almeno con le braccia e ripassare qualche manovra. Ma causa il clima non proprio favorevole dell'inverno appena passato, il muro si è ricoperto di un poco simpatico strato di muffa, che unito alla spoglia parete non mi incoraggiano certo ad allenarmi con questo caldo... Sì è così resa necessaria una rinfrescata alla parete: scrostatura di tutta la vernice, ritinteggiatura e...

Continua a leggere

Jof di Montasio via ferrata Brazzà

vista dello jof di montasioE come ormai consuetudine, anche lo Jof di Montasio non si è lasciato conquistare facilmente... Innegabile però che tutta la fatica fatta non sia stata ampiamente ripagata dallo spettacolare panorama godibile dalla cima. Il primo tentativo di raggiungere lo Jof lo facciamo il 15 luglio, tempo  splendido segnalata solo la presenza di vento a velocità media, a cui non diamo particolarmente peso. Così per le 8 e qualcosa siamo ai piani del Montasio, dove partiamo imboccando il sentiero 622. Continua a leggere

Monte Canin via ferrata Julia

Giusto ieri sono migrato su wordpress, e risistemando le vecchie pagine sul blog mi è venuto un colpo: quella detarga via julia, caninlla mia uscita sul Canin, è l'unica che non ho backuppato, ed era l'unica a cui tenevo veramente... Così mi trovo a riscriverla aiutandomi con le foto con cui avevo corredato l'articolo: l'idea di raggiungere la vetta del Canin (2587m) nasce quasi per caso: parlando con Giacomo, un mio compagno di corso, vengo a sapere delle sue frequenti uscite in montagna, ed in ferrata, così restiamo dell'idea di andare a fare un giro insieme. Continua a leggere

Anello Stolvizza - Biv. Crasso - Biv. Marussich

Un trekking di 3 giorni che ho fatto con il mio amico Sandro poco prima di riprendere panorama del sentierol'anno ad ingegneria... Arriva fino a 2178m e, tempo atmosferico permettendo, regala soprattutto nell'ultima parte una vista splendida, essendo visibili la catena del Musi, lo Jof di Montasio ed il monte Canin. Il percorso inizia dal piccolo abitato di Stolvizza, raggiungibile uscendo dalla statale 13 a Resiutta (seguendo poi le numerose indicazioni). Qui si inizia con una stradina dai numerosi tornanti che termina poi all'inizio del sentiero 643, da percorrere interamente. Continua a leggere

Monte Jama

Un'escursione che a mio parere va fatta assolutamente nei mesi invernali, quando la neve ricopre praticamente tutto il sentiero ed i numerosi rivoli d'acqua che attrpontile rotto sul sentieroaversano il percorso sono ghiacciati, ofrendo degli scorci bellissimi. L'itinerario è facilmente percorribile, non presentando tratti particolarmente esposti o pericolosi, se non fosse per il sentiero che in certi tratti è danneggiato (in particolare due ponticelli che stanno crollando, di cui uno su un tratto particolarmente esposto). Il sentiero da percorrere è il CAI 644 che si imbocca dopo aver attraversto il ponte sul Fella a Chiusaforte (quindi procedendo verso Sella Nevea): la macchina si parcheggia sotto i piloni dell'autostrada per imboccare subito una comoda mulattiera che si addentra tra i pini. Poco alla volta il sentiero si presenta via via più innevato, fino a diventare una candida distesa bianca che costringe a prestare bene attenzione ai segnavia. Continua a leggere